Druckversion   

Il Collegio Europeo dei Traduttori a Straelen

 

 

A Straelen non si può imparare l’arte di tradurre né farsi fare delle traduzioni, si può “solo” tradurre – questo però a condizioni ideali. Da tutto il mondo arrivano qui dei traduttori con un incarico avuto da una casa editrice a usufruire per le loro traduzioni dei mezzi molteplici, e a lavorare insieme scambiandosi  tra di loro consigli e esperienze.

 

 

Tutto era iniziato con una visione: creare un luogo d’incontro per traduttori letterari, un luogo sia per lo scambio cosmopolitico che per un lavoro concentrato, un centro di tante culture letterarie diverse  in mezzo a una regione di confine.

 

 

Quasi trenta anni dopo le prime riflessioni preliminari, questa visione oggi è diventata una realtà viva e tangibile: il “Collegio Europeo dei Traduttori della Renania Settentrionale-Vestfalia”, fondato a Staelen  nella Bassa Renania nel 1976 soprattutto su iniziativa di Elmar Tophoven, traduttore di Beckett e nativo di Straelen, e di Klaus Birkenhauer, a suo tempo presidente  dell’associazione dei traduttori letterari, nonché sotto il patrocinato di Samuel Beckett, di Heinrich Böll e di Max Frisch, è oggi,  su scala mondiale, il  primo  e il più grande centro di lavoro per traduttori  di materie letterarie e filosofiche.

 


Dal 1978 in poi il collegio dei traduttori è riuscito a crescere  in modo rilevante. Nel frattempo il collegio mette a disposizione su  una superficie di più di 2500 metri quadrati – oltre agli spazi per la biblioteca e per le conferenze nonché  a due cucine completamente arredate – anche 30 appartamenti per viverci e lavorare.

 

 

Fulcro del collegio è la biblioteca con i suoi 110.000 volumi dove gli ospiti residenti possono consultare 25.000 enciclopedie redatte in più di 275 lingue e dialetti (dall’africaans allo zulù), un corpus di 60.000 volumi letterari con le opere della letteratura mondiale – per lo più nella versione originale insieme alla rispettiva traduzione – nonché ben 25.000 libri di divulgazione scientifica. La biblioteca del collegio, quindi, è, su scala mondiale, la più grande biblioteca specializzata per traduttori letterari e  per quelli di libri di divulgazione scientifica.

 

 

Nel collegio vengono messi a disposizione inoltre 40 computer dalla tecnologia più avanzata e in più un vasto assortimento di tastiere di lingue straniere. Tutti i computer della biblioteca offrono – 365 giorni all’anno e 24 ore su 24 - un rapido accesso ad Internet.

 

 

Anno per anno arrivano ormai più di 750 traduttori da tutte le parti del mondo a Straelen dove nel corso del tempo sono stati effettuati più di 16000 traduzioni.

 

 

Straelen, inoltre, è una cittadina dall’atmosfera piacevole situata vicino al confine con i Paesi Bassi. I dintorni della cittadina sono caratterizzati dalla coltivazione di fiori e di ortaggi. Non a caso Straelen viene chiamata “città dei fiori”, visto che in nessun altro luogo della Germania si mettono in commercio più fiori e più ortaggi di qui.

 

 

Per ulteriori informazioni pregasi inviare le proprie richieste in inglese o in tedesco all’indirizzo seguente:

 

 

Europäisches Übersetzer-Kollegium
Kuhstraße 15-19, D-47638 Straelen
telefono: 0049-2834–1068, fax: 0049-2834-7544
e-mail:  euk.straelen(at)t-online.de  

 

 

Ins Italienische übersetzt von Jörn Schnell